Il cammino della Chiesa tra le eresie cristologiche (7 e ultima parte!)

Appendice: la questione iconoclasta

Posizione iconoclasta: i protagonisti sono Leone III Isaurico e Costantino V; le idee base sono:

O la icona di Cristo rappresenta l’uomo Gesù  e la sua umanità, ignorando la divinità;

O la icona di Cristo lo rappresenta in quanto Dio, nella sua divinità e quindi pretende di circoscrivere in un quadro la divinità incircoscrivibile.

Chi difendeva le due nature di Gesù e le icone era messo alla strette: la icona in ogni caso era sbagliata nello scopo, come rispondere?

Posizione iconofila: i protagonisti sono Nicefono di Costantinopoli e Teodoro Studita; idee base:

 il Verbo, divenendo carne, si è liberamente circoscritto in forma visibile per farsi conoscere e quindi rappresentare;

La icona di Cristo non rappresenta né la umanità né la divinità, ma la persona divino-umana in cui umanità e divinità sono in rapporto secondo la formula.

Si dovette aspettare fino al settimo Concilio di Nicea del 787 d.C. per avere una conferma teologica alla liceità delle raffigurazioni religiose nel dogma della incarnazione di Cristo. il farsi carne del Verbo di Dio giustifica la sua rappresentabilità in forme e colori, come rappresentabilità riferita alla persona di Cristo stesso. Ne consegue che l’icona di Dio incarnato non è Dio, non è una immagine di Dio, ma è l’immagine di Dio fatto carne, vero Dio e vero uomo.

Il presente testo nasce da una rielaborazione scritta degli appunti ad usum studentorum del Corso di Cristologia tenuto nell’A.a 2021-22, presso l’Issr di Fossano, sede della Facoltà Teologica dell’Italia Settentrionale, dal professor Claudio Margaria; tutti gli errori e imprecisioni, che potessero esserci, sono da imputare unicamente alla sottoscritta!

Siamo giunti alla fine di un lungo percorso… Quello che più ha contato, in questo studio, è stato interrogarsi davvero sui risvolti di queste eresie e quale immagine mi hanno restituito di Gesù, rispetto alla fede… Il cammino della Chiesa, nel riconoscere e rendere conosciuta la immagine di Gesù, come comunicata dai Vangeli, ci rincuora e ci aiuta nel riconoscimento personale, che tutti dovremmo affrontare per rendere vitale la nostra fede!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: